Fabrizio Frizzi è morto. A dare l’annuncio è la famiglia del conduttore in una nota. “Grazie Fabrizio per tutto l’amore che ci hai donato”. Così la moglie Carlotta, il fratello Fabio ed i familiari. Frizzi, 60 anni, si è spento nella notte all’ospedale Sant’Andrea di Roma, in seguito ad una emorragia cerebrale. Il 23 ottobre scorso Fabrizio Frizzi venne colto da un malore, una ischemia, durante la registrazione di una puntata del programma “L’Eredità”. Venne ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma dove fu dimesso alcuni giorni dopo. Il conduttore tornò in tv a dicembre, sempre alla guida del programma di RaiUno. “L’Eredità è una gioia, fa bene anche al fisico – scherzò con Vincenzo Mollica annunciando il suo ritorno sugli schermi -. L’adrenalina sento che mi aiuta a stare meglio”. Lo scorso 5 febbraio ha compiuto 60 anni. Parlando della malattia disse: “Non è ancora finita”. “Se guarirò – sottolineò – racconterò tutto nei dettagli, perché diventerò testimone della ricerca. Ora è la ricerca che mi sta aiutando”.

Rai: se ne va un pezzo della nostra storia. “Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano” così la Rai commenta la notizia della morte di Fabrizio Frizzi. “Non scompare solo un grande artista e uomo di spettacolo, con Fabrizio se ne va un caro amico, una persona che ci ha insegnato l’amore per il lavoro e per l’essere squadra, sempre attento e rispettoso verso il pubblico. Se ne va l’uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti. L’interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere. È impossibile in questo momento esprimere tutto quello che la scomparsa di Fabrizio suscita in ognuno di noi. Così la Rai tutta, con la Presidente Monica Maggioni e il Direttore generale Mario Orfeo, può solo stringersi attorno a Carlotta e alla sua famiglia in questo momento di immenso dolore”.

Il direttore generale della Rai Mario Orfeo, visibilmente commosso, è arrivato all’ospedale Sant’Andrea dove stanotte è morto Fabrizio Frizzi. Dopo una breve visita ha lasciato l’ospedale, senza voler dare dichiarazioni che, ha spiegato, aveva già affidato ad una nota ufficiale.

Il malore e il ritorno in tv. Ai media Frizzi aveva raccontato che stava combattendo con tenacia la sua malattia. E Fabrizio Frizzi l’ha vissuta fino all’ultimo secondo dei suoi 60 anni, compiuti appena il 5 febbraio scorso, e l’ha vissuta in Rai dove lavorava dal 1980 e dove l’aveva colpito il primo malore il 23 ottobre scorso. Quel giorno si era sentito male durante la registrazione dell’Eredità negli studi, una lieve ischemia si era detto, poi subito il ricovero. La notizia del malore del conduttore si era sparsa il giorno successivo, da inizio giornata, sui social e sui titoli dei siti online che hanno allarmato i suoi fan. Grave, si continuava a leggere su Twitter, mentre l’hashtag # FabrizioFrizzi volava in cima alle tendenze del giorno e si diffondevano ipotesi preoccupanti. Pochi minuti dopo la notizia, Rai1 ha cambiato il palinsesto della fascia preserale: L’Eredità sospesa e al suo posto trasmessa la prima puntata della serie Don Matteo 9. Così era stata direttamente una nota ufficiale nel pomeriggio di Viale Mazzini a fare chiarezza e ad annunciare che il direttore generale della Rai, Mario Orfeo, gli aveva fatto visita. “Abbiamo parlato e scherzato”, aveva detto Orfeo all’uscita dall’ospedale.

E dopo il ritorno a casa aveva voluto rassicurare il suo pubblico con un post su Fb. “Combatto per guarire”, aveva scritto Frizzi rompendo il silenzio per salutare gli amici, i fan e le tante persone che gli erano state vicine nel momento della grande paura, “mi date la forza per superare questa brutta avventura”.

L’amico Carlo Conti aveva preso il timone dell’Eredità al suo posto, fino al suo ritorno il 6 dicembre. L’annuncio a sorpresa alla Prova del Cuoco, nel giorno del compleanno di Antonella Clerici e insieme a Carlo Conti, nella grande commozione generale ma lui era tornato come sempre, con la sua dirompente e irresistibile risata. Era tornato al suo posto, in tv, su Rai1, dal 15 dicembre, prima insieme a Conti, poi da solo, fino a stanotte e il programma ancora in palinsesto per oggi.

BIOGRAFIA DI FABRIZIO FRIZZI

Nato a Roma il 5 febbraio 1958, Frizzi era il figlio di Fulvio, noto distributore cinematografico, già direttore commerciale dell’Euro International Film, e poi della Cineriz, frequentò le scuole elementari a Roma alla Cesare Nobili nel quartiere Balduina. Si diplomò al liceo classico San Giuseppe Calasanzio a Roma, per poi iscriversi a Giurisprudenza, ma lasciò gli studi dopo soli 4 esami. Cominciò la sua carriera da giovanissimo nelle radio e nelle televisioni private, per approdare poi alla Rai dove partecipò alla trasmissione per ragazzi ’Il barattolo’, su Rai 2 nel 1980, prima come inviato e poi come conduttore fisso insieme a Roberta Manfredi.

Nel 1982 prese parte alla trasmissione pomeridiana per ragazzi ’Tandem’ sempre in onda su Rai 2 e condotta da Enza Sampò; fece parte del programma sino al 1987 per un totale di cinque edizioni. All’interno del programma Frizzi, che inizialmente era uno dei giovani comprimari incaricati di dar vita a giochi con scolaresche, si ritagliò uno spazio sempre più ampio; quando ’Tandem’ fu sostituita dalla trasmissione ’Pane e marmellatà, indirizzata allo stesso pubblico di giovani, a Frizzi ne fu assegnata la conduzione insieme alla conduttrice Rita dalla Chiesa, che sposò nel giugno del 1992; i due si separarono nel 1998 e divorziarono ufficialmente nel 2002.

Dallo stesso anno fu legato alla giornalista di Sky Tg 24 Carlotta Mantovan, dalla quale, il 3 maggio 2013, ebbe la figlia Stella, e con la quale convolò a nozze il 4 ottobre 2014. Aveva anche un fratello, Fabio, di professione musicista, che ha lavorato alla colonna sonora di numerosi film e alla sigla di vari programmi televisivi. Affermato conduttore televisivo, ruolo in cui si ispirò a Corrado,nella sua carriera ultra-trentennale condusse quiz, varietà, talent show, ma partecipò anche in qualità di concorrente in programmi di successo, come Ballando con le stelle. Da ’Scommettiamo chè a ’Europa Europà, dal preserale ’Luna park’ alla maratona benefica ’Telethon’, negli anni Frizzi è diventato uno dei volti più popolari e amati di RaiUno. Ha condotto per 15 anni Miss Italia (e proprio al concorso nel 2002 ha conosciuto la moglie, giornalista a Sky Tg24). Grande appassionato di musica, ha conquistato il pubblico giovane mettendosi in gioco come concorrente di ’Tale e quale show’ condotto da Carlo Conti, di cui era grande amico, con cui ha fatto la staffetta per L’eredità. Insieme a Pippo Baudo fu il conduttore con più trasmissioni all’attivo. Tra le altre attività, svolse anche il ruolo di doppiatore. è sua la voce di Woody, lo sceriffo protagonista della saga di film ’Toy Story’.

Nel 2012 interpretò se stesso nel film ’Buona giornatà diretto da Carlo Vanzina. Un mese fa aveva dichiarato: «Sto combattendo, non è ancora finita. Ogni tanto, com’è normale, qualche momento di sconforto può esserci, ma l’affetto della famiglia, del pubblico e degli amici è una luce che illumina tutto. La vita è una cosa meravigliosa».

Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/italia-mondo/2018/03/26/news/e-morto-fabrizio-frizzi-aveva-60-anni-1.16636283

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome