Un sondaggio effettuato dal Sole 24 Ore su 96 professionisti ha evidenziato che il grado di adesione alla procedura finora è stato «molto basso» (61,5% di risposte) o «basso» (35,4%). Appare, perciò, impossibile che l’operazione possa concludersi il 31 luglio prossimo raggiungendo il target prefissato di 1,6 miliardi di euro.

Due spie rivelano il probabile fallimento. Nel primo trimestre, secondo i dati del Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia, gli incassi attribuibili alla voluntary si sono attestati a circa 350 milioni di euro. In secondo luogo, la manovra correttiva specifica che le maggiori entrate che dovessero giungere dalla rottamazione delle liti fiscali, previste dal decreto manovra e cifrate a 400 milioni di euro, saranno destinate a copertura del gettito della collaborazione volontaria.

Si tratta di una circostanza preoccupante tanto per il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, quanto per il direttore (uscente) dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi. Il motivo è presto detto: quei soldi servono a evitare l’innesco delle clausole di salvaguardia sull’Iva nel 2018. L’aumento dell’imposta (che dovrebbe salire dal 22 al 25% e dal 10 all’11,5% nelle due aliquote ordinarie) potrebbe perciò essere ancora superiore.

La voluntary-bis era stata progettata per facilitare la regolarizzazione del contante tenuto in casa, unica possibilità riservata a coloro che avevano partecipato alla prima edizione (130mila istanze). L’altra speranza era riuscire ad «acchiappare» qualche altro contribuente che avesse espatriato irregolarmente i propri capitali. Ma, una volta raggiunti gli accordi con Svizzera e Monte Carlo, è mancato l’incentivo alla partecipazione. Né ha funzionato più di tanto la minaccia dei controlli a tappeto sugli espatriati.

Così, per salvare in corner l’operazione sono stati introdotti due migliorie nella manovra correttiva. Innanzitutto sono state previste sanzioni più miti in caso di errori nel calcolo o di versamenti in ritardo. Il secondo correttivo ha riguardato la sanatoria dei capitali all’estero prevedendo la possibilità di poter detrarre le imposte già versate oltreconfine da quelle dovute in Italia, nel caso in cui esistano convenzioni contro le doppie imposizioni e limitazioni ai casi di adesione al rientro dei capitali. Secondo il sondaggio del Sole, più di un professionista su due considera inutili (7,3%) o assolutamente insufficienti (47,9%) le modifiche approvate dalla commissione Bilancio della Camera. Il 78,1% degli addetti ai lavori sarebbe necessario rendere più conveniente l’autodenuncia del contante in nero, ma probabilmente ormai è troppo tardi.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/politica/voluntary-bis-si-sta-rivelando-flop-ora-rischio-unaltra-1403516.html

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome