Il bando per la vendita di Alitalia, per intero o a pezzi, sarà validato dal ministro Carlo Calenda mercoledì sera. Il titolare dello Sviluppo tornerà dall’Indonesia e accoglierà in serata al Mise il collega alle Infrastrutture Graziano Delrio e i tre commissari straordinari: Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari. Il bando sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale già giovedì. Mercoledì stesso verrà scelto l’advisor della procedura. Un consulente dei Commissari per individuare potenziali partner industriali.

L’invito chiederà ai potenziali investitori di indicare quale soluzione proporre per risolvere la crisi Alitalia: ristrutturazione, vendita dell’azienda o «spezzatino», con la liquidazione degli asset in pancia alla compagnia. Prevederà un termine breve — indicativamente in una data compresa tra il 5 e il 10 giugno — per chi vorrà manifestare le proprie intenzioni così da potere avviare la seconda fase della procedura. Fase nella quale verranno selezionate le offerte ritenute convincenti tra quelle che avranno risposto al bando, consentendo agli investitori di avere accesso alla data room, cioè ad informazioni confidenziali inerenti l’azienda.

Entro la fine di luglio si attendono le proposte non vincolanti dagli investitori, che potranno anche riunirsi in cordate, in modo tale da consentire ai Commissari di scegliere il programma dell’amministrazione straordinaria da perseguire. A quel punto entrerà nel vivo la gara per l’acquisizione di Alitalia con la comparazione delle offerte.

Prosegue la polemica sulla scelta di uno dei tre commissari, Enrico Laghi, soggetto di un’inchiesta della trasmissione di «Report». Che ricorda come il nome di Laghi fosse coinvolto nell’azione di responsabilità che venne avviata nel 2011 dall’allora commissario straordinario Alitalia Augusto Fantozzi. Laghi dal 2005 al 2008 è stato prima membro e poi presidente del collegio sindacale della vecchia Alitalia in dissesto. E ora si è appena dimesso da consigliere Cai e presidente di Midco, che detiene il 51% di Alitalia. Laghi ha risposto precisando che non ha mai avuto funzioni di gestione della compagnia aerea e non ha mai ricoperto ruoli di amministrazione, direzione o controllo di Alitalia-Sai.

Fonte: http://www.corriere.it/economia/17_maggio_15/alitalia-offerte-entro-giugno-paletti-le-cordate-68df075c-3996-11e7-8def-9f1d8d7aa055.shtml

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome