Un’incisione millimetrica in anestesia locale, per posizionare l’impianto a livello sottocutaneo sulla parte superiore del braccio e in pochi minuti è pronto il nuovo sistema hi-tech che controlla il diabete. Arriva, infatti, in Italia il primo sensore per il monitoraggio continuo della glicemia impiantabile, progettato per la misurazione dei valori di glucosio fino a 90 giorni senza necessità di sostituzione del sensore ogni settimana. Si chiama Eversense e misura h24 i livelli di glucosio, e i dati vengono automaticamente inviati al dispositivo mobile. Fino a oggi sono centinaia i pazienti che lo utilizzano nel mondo e in Italia sette. Tre sono stati impiantati a Padova dal team della dottoressa Bruttomesso dell’Unità Operativa Complessa di Malattie del Metabolismo, due a Olbia al centro di Diabetologia dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Olbia diretto da Giancarlo Tonolo e altri due hanno ricevuto il dispositivo presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria “Mater Domini” di Catanzaro, dove opera la professoressa Concetta Irace del Dipartimento di Scienze della Salute. I pazienti hanno espresso grande soddisfazione per la facilità d’uso del dispositivo, per la sicurezza e affidabilità del dato di rilevazione della glicemia e per il miglioramento nella gestione quotidiana del diabete. Il sensore è sottocutaneo e non necessita di alcun ago che lo colleghi al trasmettitore ricaricabile, che è interamente rimovibile in modo semplice e senza rischi ed è quindi compatibile con qualsiasi tipo di attività.

 

«Si tratta di un vero e proprio cambio di paradigma nella gestione del diabete – afferma Massimo Balestri, General Manager di Roche Diabetes Care Italy – Strumenti di monitoraggio come questo consentono di aumentare la qualità di vita e di ottimizzare il controllo metabolico. Siamo certi di aver portato in Italia un enorme beneficio per le persone con diabete e continueremo in questa direzione perché è nello spirito della nostra azienda. Questa tecnologia garantisce un livello elevato di accuratezza delle rilevazioni. I primi riscontri da parte dei pazienti ci dicono che abbiamo intrapreso la strada giusta». Il sistema Eversense invia allarmi, avvisi e notifiche relativi ai valori del glucosio visibili in qualsiasi momento sull’app. Il trasmettitore attraverso suoni e/o vibrazioni avvisa l’utilizzatore quando i livelli di glucosio raggiungono valori troppo elevati o troppo bassi grazie alla presenza di un algoritmo predittivo avverte il paziente preventivamente di probabili episodi di ipo o iperglicemia.

Source: http://www.leggo.it/societa/sanita/diabete_possibile_monitorare_la_glicemia_un_sensore_impiantato-2376739.html

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome